Nessun commento

Tenerife: Costa Adeje

L'improvvisa decisione di volare a Tenerife genera sufficiente attrito con la realtà da diventarne parte. Abbandoniamo la Scozia nel pieno dell'autunno e dimezziamo la latitudine, passando da 56° a 28° Nord. Come è giusto, la temperatura raddoppia, da 10-13° a 20-26°C.

Abbiamo speso questi primi giorni a Costa Adeje, nel sud-ovest dell'isola. Su una mensola dell'appartamento che abbiamo affittato c'è una guida turistica del '98 secondo cui la città non esiste. Ad illustrare la zona ci sono un paio di foto di pescatori che osservano il mare con sguardo sognante. Sullo sfondo, colline aride e poche casette quadrate.

Enormi alberghi incombono sulle spiagge di Costa Adeje Alberghi, incombono

Quello che abbiamo trovato è un denso agglomerato urbano composto da mille locali, alberghi, e piscine incorniciate da palme in aiuole di erba sintetica. Lei lo descrive come "Blade Runner ma con il sole". Quartieri di casette identiche si espandono dal centro dei palazzoni verso le alture, lasciando poi spazio a freschi cantieri. Mi fa male al cuore vedere come tagliano a metà le colline con la violenza dell'abuso edilizio. L'effetto di vent'anni di voli low-cost?

Ad occhio sembra una cosa insostenibile, eppure continua a crescere. E se ho capito bene questa era una zona arida con poco niente, improvvisamente sviluppata in centro turistico e culturale. Enorme è la quantità di negozi e locali che cercano di attirare turisti con marche, nomi e sapori di casa. In serata, ognuno di questi genera una bolla di pessima musica dal vivo e karaoke anni '80 e '90. Tutto tutto tutto è per servire inglesi, tedeschi ed italiani, in una specifica fascia d'età.

Si, non siamo fatti per posti del genere. Ma il corso di immersione è fatto, così come le lezioni di surf. Tornare in acqua oggi ci ha lasciato stanchi e soddisfatti... e con un po' di lividi extra: il fondo è roccioso ed irregolare. Abbiamo interagito con un numero di italiani, tedeschi, venezuelani, ma non credo di aver parlato con qualcuno nato su quest'isola.

La spiaggia di Costa Adeje Mille moli creano la spiaggia di Costa Adeje

Domani abbandoniamo questa efficiente bolgia e risaliamo la costa verso i paesini dispersi del nord-ovest, una zona montagnosa. Li, speriamo, più Tenerife e meno realtà alternativa.

Aggiungi un commento