Nessun commento

Lento e veloce

Luglio è arrivato, e fuori qualcosa inizia a riaprire. C'è decisamente più traffico alle ore di punta, ed il suono quasi dimenticato degli aerei si fa sentire sempre più spesso. Le rare volte in cui esco a far la spesa (quando la consegna a casa non si allinea con la scadenza del latte) sono poche le persone che devo evitare sui marciapiedi. I manifesti pubblicitari dalle fermate degli autobus sono fermi a Marzo: uova di Pasqua ed hamburger in offerta, ma sbiaditi dal sole, accrescono la sensazione post-apocalittica delle strade semivuote.

Le piccole riaperture non sono ancora sufficienti a cambiare la routine giornaliera, e ben lontane dallo scalfire quella lavorativa. Gli uffici sono ancora chiusi, e resteranno tali per almeno un altro mese. Nel frattempo però, ho recuperato un lavoro nuovo, locale ma ovviamente remote, che inizia a metà Agosto.

La ricerca questa volta è durata tre mesi. Ho contattato una mezza dozzina di compagnie, di cui solo una tramite agenzia—poi sparita nel nulla. Ho portato avanti tre processi fino all'ultimo colloquio, e ricevuto due offerte. Ho rifiutato quella più generosa: la reperibilità non è compatibile con il mio stile di vita, neanche aumentando i paperdollari. Ho scelto la ditta con l'ambiente più interessante, ed un prodotto che non mi fa sentire colpevole: i clienti sono esseri umani, pagano, ed il software li aiuta a risolvere problemi complessi.

Rischiando la vanagloria, annoto qua un dettaglio che mi sarà utile ricordare in futuro, in quelle sere buie quando l'incertezza esistenziale e professionale si solidifica in pensieri negativi. La posizione di cui avevo letto era a “livello medio”, e durante il primo colloquio avevano messo in chiaro i limiti di responsabilità e di compensazione.

— Ti interessa ancora?

— Si.

Dopo aver lavorato per due ditte disperatamente alla ricerca di una direzione, ero pronto ad un passo indietro pur di lavorare con un prodotto sano ed in un ambiente positivo. Così ho completato molteplici colloqui, parlando con sette persone diverse, poi è arrivata la telefonata.

— Purtroppo sei over-qualified per la posizione. Ma hai fatto una cosi buona impressione su tutti che abbiamo trovato altri soldi, cambiato il ruolo, e ti vorremmo assumere al livello sopra.

Emano luce, e nel frattempo studio Ruby.

Aggiungi un commento