Di passaggio a Londra

Causa burocrazia internazionale complessa, ho passato lo scorso fine settimana a Londra, ospite di Cippu. La cosa assurda è che nei tanti anni, nonostante i vari scali in tutti i possibili aeroporti della zona, non ero mai andato a visitare la capitale.

Canary Wharf Canary Wharf, Londra

Cippu vive in un posto stiloso, lavora in un posto stilosissimo, e si addentra nella metropolitana con la confidenza di una talpa che ripercorre un tunnel appena scavato. Purtroppo non può controllare il meteo, e la pioggia del Venerdì pomeriggio non perdona il turista con l'ombrellino. Stanco ed umidiccio mi nascondo in un cinema. Finisco a vedere Il Libro della Giungla perché a quell'ora non c'è altro, ed entro persino mezz'ora in ritardo.

Una mezz'ora che si rivela ben calcolata, perché coincide con la fine della pubblicità e dei trailer. Tre giorni dopo ho quasi dimenticato il film, ma mi capita di ripensare alla gioia di entrare in un cinema, sedermi, e non essere bombardato da roba che non voglio vedere riprodotta ad un volume troppo alto.

Nel resto del fine settimana fa capolino il sole ed il turista asciutto può girare per il centro più felice. Un sacco di edifici nuovi e luccicanti, ed un gran numero di edifici vecchi che in qualche modo mi erano già familiari in quanto sfondo di fin troppi film, cartoline, immagini dei libri di storia.

Bello girare per Greenwich, incluso il tunnel pedonale sotto il Tamigi e la visita sopra e sotto alla Cutty Sark, un clipper sospeso a mezz'aria su una bolla di vetro.